Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 7 —

voce, come usava sempre che voleva convincersi:

— Ma se tu non vuoi, nessuno penetra fin qui, insomma! Resta, dunque.

I suoi occhi corsero di nuovo intorno alla stanza riconciliandosi con gli oggetti famigliari: e gli parve che questi oggetti, ancora qua e là scintillanti alla luce del tramonto, avessero delle pupille che rispondevano al suo sguardo: gli ritornò allora l’abituale impressione che essi avessero qualche cosa di vivo, e la tenerezza fisica che lo univa a loro. Della tazza, del coltello, del secchio, solo a guardarli si sentiva l’impronta nelle dita: gli sembrava che se fosse diventato cieco, gli oggetti coi quali da due anni divideva la sua solitudine, si sarebbero mossi per venirgli incontro ad aiutarlo.

— E dunque resta. Se tu non vuoi neppure il diavolo entra in casa tua!

Se tu non vuoi! Perchè dunque ti tendi tutto in ascolto nel sentir picchiare al cancello? Sono già gli uomini del terreno attiguo che vengono a molestarti?

Con un balzo ostile fu subito alla porta, ma tra le fronde del cancello intravide una donna con un paniere sul capo, e subito si rassicurò. Era Ghiana, la contadina del cascinale.