Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 52 —


— Dove lo vorrebbe, allora?

Egli fece un gesto vago con la mano, accennando lontano: ma una lontananza indefinita.

— Laggiù, verso i campi.... o più in là, Ma qualche cosa di piccolo, di solitario. Una casetta di contadini, laggiù.... il più lontano possibile.

E lasciò la vecchia in mezzo alla strada, a guardare in lontananza alla ricerca della casa che egli desiderava per sfuggire al suo pericolo.



Pericolo che ben presto si fece urgente, minaccioso.

Un pomeriggio caldo, quieto, di quelli che portano la noia e spingono la gente ad andare in cerca di svago, la vicina di casa andò a visitare il vicino.

Avesse almeno avuto bisogno di qualche cosa! No, andò da lui così, senza scusa, forse per sola curiosità o appunto per noia.

Era la prima donna, dopo la contadina, che penetrava nel recinto solitario, e nel farla entrare Cristiano prese l’espressione feroce di un eremita tentato nel suo rifugio.

Eppure la donna non aveva l’aria di vo-