Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 il sigillo d’amore


— Andiamo — disse, con terrore.

L’uomo non si moveva. Solo quando noi due si fu un poco avanti e io mi volsi, vidi che raccoglieva il portafogli, con cautela, per non macchiarsi con lo sputo.

— È fuori dell’umanità. Ma troverà la sua — borbottava il mio compagno.

Eppure io sentivo crescere in me la pietà, fino alla desolazione, fino alla vergogna di sè stessa.