Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL TESORO DEGLI ZINGARI.


La notizia del tesoro ritrovato dagli zingari arrivò anche alla piccola Madlen, che da settimane giaceva malata nella prima tenda del loro accampamento; e non l’avrebbe distolta troppo dal suo soffrire senza i particolari misteriosi coi quali la sorella maggiore l’accompagnava.

— Pare sia stata la vecchia, a sognarselo. Sentiva come un rumore d’acqua, sotto la testa, mentre dormiva; e vedeva una grande luce. Allora hanno scavato, lei e il figlio, e hanno subito trovato un vuoto, perchè pare che qui sotto esistano grotte profonde, dove si nascondevano i cristiani e vi seppellivano i loro morti. Il tesoro è, dicono, dentro un vaso di oro: non si sa di preciso in che consista, forse in monete, forse in diamanti. A guardarci dentro, nel vaso, viene un barbaglio che acceca. La vecchia piange e ride; pare divenuta matta, mentre quel barbone del figlio è più nero che mai: non