Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
208 il sigillo d'amore

ad assisterla una sua nipote, ch'era al servizio in città, e questa ragazza, educata e pratica, se lei crede, signora, potrà servirla. Sa anche leggere e scrivere». Questo lo credo, perchè la lettera non è scritta coi soliti caratteri primordiali del sor Andrea; la notizia però non ci commuove; perchè in quanto a leggere e scrivere è meglio non pensarci, lassù.


*


Ci si dovette pensare, invece, appena tornati lassù, perchè la nuova padrona non faceva altro che leggere e scrivere.

— Da un mese ho sposato la nipote della povera Maddalena, — ci annunziò il sor Andrea venuto giù alla stazione per incontrarci. — Che si poteva fare? Senza una donna in casa non si sta. Eppoi è una gran brava ragazza, bella anche, e sembra una signorina di città. Vedrà, signora, le piacerà.

— Come si chiama?

— Anche questo c’è di buono. Si chiama Maddalena; così non capita di sbagliare nome, se la chiamo ricordandomi la prima.

— Perchè, diventerebbe gelosa? — domando io con cattiveria.

Ma il sor Andrea è proprio un buon uomo,