Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42 il sigillo d'amore

no a protestare e cambiano marciapiede; finchè uno della compagnia, un zoppetto intrepido e più feroce degli altri, non si afferra alla sedia, dietro le spalle del ragazzo, e lo costringe a fermarsi.

— E fammi sedere, — grida forte. — Apposta mia madre mi ha fatto zoppo, per zompare su questa cattedra.

Allora il ragazzo cambia tattica: lascia andar giù la sedia, l’afferra con una mano per la spalliera e comincia a rotearla vertiginosamente intorno.

— A chi tocca tocca.

Se non mi scosto a tempo tocca pure a me, mentre i nemici tentano un accerchiamento, si stringono, riescono ad afferrare chi il ragazzo chi la sedia e tutti assieme piombano a terra in un gruppo infernale.

Allora intervengo io.

— Sentite ragazzi, se non la smettete chiamo una guardia.

— Chiamane anche dieci, — grida lo zoppetto, e tutti, ancora attaccati alla sedia e gli uni sugli altri come scarabei, ridono d’intesa affratellati contro di me.

Finalmente, con comodo loro, si rialzano e riprendono la marcia: adesso però è un altro guaio, perchè ridivenuti amici, ogni tanto si fermano e discutono di affari loro.

Arrivati poi alla svolta della strada alcuni