Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La sedia 43

si sbandano, altri dicono di fermarsi lì ma solo per tre minuti, ad aspettare il ritorno dell’amico.

Allora questo, che prosegue solo con me, diventa svogliato, dice che è stanco, che la sedia pesa, e ad ogni passo domanda se c’è molto ancora.

Siamo in una strada solitaria, poco distante dalla mia, ed è quasi notte: anche qui scavi, ingombri, ostacoli.

— È questo il suo cancello? Lei mi ha detto che c’è un cancello sotto gli alberi. È questo? — domanda con insistenza il ragazzo, fermandosi in un punto scuro della strada, davanti a un cancello chiuso.

— È questo, sì, — si risponde da sè.

Non c’è verso di convincerlo a proseguire: rinunzia piuttosto al resto della mancia, pur di raggiungere gli amici prima che i tre minuti siano passati; e sparisce in un lampo.


*


Che dovevo fare? Feci come quel filosofo che avendo molti problemi da risolvere pensò bene di andarsene a dormire. Così io sedetti sulla mia sedia, accanto al cancello chiuso di là del quale, intorno a una villa, un giardino