Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
60 il sigillo d'amore

tiero s’è introdotto nella tasca e le formiche lo seguono; ma come respinti da un esercito nascosto ne vengono subito tutti fuori sbaragliati e fuggono: è l’odore del tabacco da pipa che produce la ritirata. Più tenace e famigliare è un piccolo grazioso ragno bianco che lieve e rapido lo esplora dai piedi alla testa e gli si ferma di preferenza sui risvolti della giacca girando intorno ai bottoni: gira e rigira finalmente sosta e medita: medita senza dubbio un colpo straordinario; tessere la sua tela sul nobile petto dell’artista. Già attacca un filo a un bottone....


*


Qui bisogna essere sinceri: questo avvenimento commuove l’uomo; le immagini letterarie lo abbandonano ed egli a sua volta si abbandona alla realtà semplice e meravigliosa: gli pare di essere eguale all’albero, alla vite, e di aver finalmente ritrovato l’equilibrio nello spazio. Ma una voce lo riscuote da questo sogno; ed egli manda via brutalmente il ragno, vergognandosi di essere sorpreso in corrispondenza con la natura. La voce che viene di dietro le sbarre della cancellata è del resto timida, e l’uomo che chiama: — Signore? Signore? —