Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Uccelli di nido 81


— Quanti anni ha? — domandò la madre.

— Tredici, figlietta mia; tredici compiti il giorno di San Giuseppe.

— Come il mio, — pensò la madre; e la speranza della vecchia si accese anche nel suo cuore.

— Il Commissario Finzi, poi, mi aiuterà. Tutti me lo hanno detto. Non importa ch’io sia così, così, come una scopa da buttarsi via, — riprese la vecchia sollevando di nuovo i lembi sfrangiati del suo grembiale; — egli dà ascolto ai poveri; dicono che li riceve male, che li carica di rimproveri, ma poi fa di tutto per aiutarli, perchè a lui pure un tempo è scappata di casa una figlia. Ah, lei non lo sapeva, signorina mia? Sì, una figlia di tredici anni: e quella non è più tornata, e per quante ricerche in tutto il mondo si facessero nessuno più l’ha veduta. Proprio così. Ah, e lei uon lo sapeva? Tutti lo sanno; e lui, il signor Commissario, è diventato come pazzo, e ha preso questa specialità di ricercare le persone scomparse, sopra tutto i ragazzi, per via della disgrazia accaduta a lui in persona.