Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82 il sigillo d'amore



*


Di nuovo la madre non sa commentare il fatto È vero, non è vero? Forse è una fantasia popolare; ma ha tale un soffio di dolore e di mistero che fa piegare l’anima smarrita. E se fosse vero? Se anche il suo ragazzo, che per lei è ancora il suo bambino, non dovesse tornare mai più?

La pena è così forte che ella balza in piedi per non lasciarsi di nuovo venir meno: poi si ricompone perchè l’uscio della stanza dove il Commissario riceve si apre e varie persone ne escono.

— Adesso tocca a noi, — dice la vecchia, alzandosi anche lei: e trema tutta.

— Andate voi, prima, andate; la vostra disgrazia è più grave della mia — dice l’altra, spingendola piano piano verso il bianco vano dell’uscio.

La vecchia allora si piega e le bacia il lembo del mantello, come fosse quello della Madonna.

— Dio la benedica, lei e le sue creature.