Pagina:Deledda - Il vecchio della montagna, 1920.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 11 —

nistra, rossa, rugosa e tremante, brancicava cercando un appoggio, spingendo un ostacolo. Sebbene calmo in apparenza, non sorrideva, e solo quando sentì che Melchiorre arrivava, spianò le sopracciglia: e il suo bel volto parve quello di un patriarca.

Dal suono rimbalzante delle staffe e del freno si accorse che Melchiorre toglieva la sella al cavallo, e si fece un po’ indietro per lasciarlo passare.

L’altro entrò, senza dir parola, e depose bruscamente per terra la bisaccia, intorno alla quale il cane s’aggirò fiutando.

— Cosa ha? — pensò zio Pietro, accorgendosi subito che il figliuolo era più irritato del solito. Ma tosto sentì un profumo di frutta e si rallegrò come un bimbo.

— Cosa hai portato? — chiese.

— Toccate, — disse Melchiorre.

— Questo è un cocomero. E questo è un popone! Bene!

— Dove è quello scimmiotto? — domandò Melchiorre, buttandosi sulla stuoia, accanto alla porta.

Sporse il capo, fischiò, gridò:

— Basilio, o Basiliooo?