Pagina:Deledda - Il vecchio della montagna, 1920.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 62 —

mo del caffè bollente che usciva dalle capannucce di frasche.

— Il cagnolino ci vien dietro, ma non vuole avvicinarsi, — disse Basilio volgendosi ogni tanto. — Bau, bau, bau, drin, drin, drin. Perchè non ti avvicini, marrano? Vieni qui che ti faccio la festa. Datemi il bastone, zio Prè.

Il cagnolino, irritato dalle smorfie e dalle grida di Basilio, abbaiava forte; e il piccolo Efisio uscì correndo da una capanna.

— Leone, qui, Leone!

— Leone, qui, Leone! — imitò Basilio. — È tuo quel cane, ragazzino?

— Sì, è mio, non è tuo! — gridò Efisio inviperito.

— Se alzi la voce, gli do tante bastonate che gli faccio cacciar le viscere per gli occhi.

— E finiscila, finiscila! — ammoniva zio Pietro.

Efisio mostrò la lingua, e Basilio gli fece le corna, e non contento di ciò, appena ebbe condotto il vecchio in chiesa, tornò fuori per continuare a insolentire contro il ragazzetto.

Zio Pietro si trovò solo, inginocchiato per terra, col braccio sinistro appoggiato