Pagina:Deledda - L'ospite, Cappelli, 1898.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

due miracoli 127


colore, quasi color rame, rilucenti davvero di una fiamma infernale. Legata fortemente, non oppose alcuna resistenza, né parlò durante lo scongiuro; ma quando si trattò di farle baciare la reliquia santa fece un chiasso proprio del diavolo.

Le donne impallidirono, e si fece un gran silenzio ansioso per la chiesa.

La bambina destava in realtà paura. Gridava e urlava con una voce sonora, maschile, imprecando, sputando la reliquia, parlando in latino e dicendo cose terribili.

Inginocchiata, con la fronte appoggiata allo spigolo dell’altare, una donna piangeva e pregava, agitata da singhiozzi spasmodici.

Zia Batòra guardava più la donna che la bambina, di cui senza dubbio era la madre, e una specie di fascino, una forte suggestione di pietà soggiogavale l’anima. Le sembrava sentire i lamenti della sventurata.

La gente mormorava di nuovo, e nel susurro forte, febbrile, che allagava la navata della chiesa, destandone l’eco misterioso, zia Batòra avrebbe giurato di udire le parole della donna di Alà, che le diceva:

— Non c’è una madre più sventurata