Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


mattoni, di nuovo con l’istinto del vagabondo che l’aveva buttato sulla panchina del giardino del lago.

La donna intanto, uscita sulla terrazza, trovò l’altra che l’aspettava con un’ansia fredda e muta: solo gli occhi parlavano, e volarono incontro a quelli della zia, con l’angoscia supplicante di uno che sta per essere ucciso.

Quando sentí come si era svolto il colloquio e la promessa dell’uomo di ritornare, si accasciò sul davanzale, col viso fra le mani.

— Non tornerà, — disse.

La donna non replicò: dritta anche lei accanto alla balaustrata posava sul marmo la mano che l’uomo aveva baciata, e guardava quella mano con un senso di derisione; e il suo silenzio aumentava la pena comune.

D’un tratto però la giovine si sollevò,