Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Questa speranza parve farsi in lei certezza quando essi furono partiti.

Ecco, ella è finalmente sola nella sua casa oramai tutta sua, e il passato rientra nell’ombra del nulla: e quell’uomo che ella ha appena conosciuto come durante un breve viaggio, non ha per lei piú consistenza di quanto ne abbia un passante nella strada.

In fondo è contenta di aver sistemato bene la fanciulla, piú bene di quanto osava sperare; e sopratutto, di aver compiuto il suo dovere. La promessa mantenuta, la sicurezza dell’avvenire, la tranquillità del presente, le dànno quasi un senso di sazietà; di sonnolenza: non le resta che sdraiarsi e dormire.

— Giovannina, —