Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


E d’un tratto si sentí felice: seduta accanto allo sportello aperto, vedeva sfilare i palazzi e i giardini in uno sfondo arioso e fresco: a momenti un alito di vento penetrandole fino ai capelli le dava l’impressione che il mare fosse lí in fondo alla strada sulla quale il tram scivolava con la velocità imprudente di un monello; e qualche cosa di indefinibilmente dolce le rinfrescava l’anima e il viso e le mani che stringevano la borsa.

Mai la città le era apparsa cosí bella, cosí sua: sentiva di stringerla in mano come la sua borsa: e guardava senza invidia, anzi con gioia, i grandi palazzi con le loggie rosse di gerani e di garofani; anche lei aveva ville e terreni e denari, e mai si era sentita ricca quanto in quel giorno.