Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


è necessario che tu venga a vederla.

«È necessario, — ripeté dopo un attimo di silenzio durante il quale tutto il mondo parve buio e disabitato. — Per Maria. Tu m’intendi. Siamo nella villa al mare. Se tu non vuoi viaggiare sola vengo io a prenderti. È necessario: per Maria, — ripeté una terza volta, lentamente; e poi la sua voce si spense come quella di uno che muore pronunziando il suo ultimo desiderio.

La donna tremava tutta e si sosteneva all’apparecchio con l’impressione di essere attaccata sospesa all’orlo di un precipizio. Non poteva rispondere; e la voce di là taceva, ed ella ricordava le parole di Maria: «è l’uomo più orgoglioso del mondo» e sentiva che egli non avrebbe mai piú parlato, davvero come un morto, se lei non rispondeva subito e affermativamente.

— Verrò, — disse sottovoce: e si staccò dall’apparecchio come lasciandosi scivolare giú per il vuoto dell’abisso.