Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/242

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lei è giovane e intelligente, e la vita è davvero in mani sue, come un frutto nelle mani di un bambino; ma lei pensa troppo a sé stessa, e la coscienza di cui lei parla è vivida, sí, ma come un sole in un mondo morto: non illumina e non riscalda nulla e si aggira inutilmente intorno a sé stessa.

FIGLIA

Quello che io dicevo poco fa, che voglio salvare mia madre dal dolore, dimostra il contrario. Io amo mia madre.

STRANIERO

E allora ponga la sua coscienza di fronte a quella di sua madre, ed esamini anche il problema se per sua madre sia maggior dolore e maggior dovere seguire o no il suo istinto.

FIGLIA

La madre non ha che un istinto: quello del bene per i figli; sta ai figli dimostrarle che a volte sbaglia, e che il suo bene forma il bene dei figli.