Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


da preparare il cibo a me, per sostenere piú che il mio corpo l'anima mia, quando non avresti piú la speranza del mio avvenire, e la gioia, la trepidazione e anche la paura di aspettarmi? Che sarebbe la tua vita senza quest'attesa e la certezza del mio ritorno?

MADRE

Una madre aspetta sempre il ritorno dei figli.

FIGLIA

Ma tu non saresti piú la stessa per me, e ben diversa sarà la tua attesa da quella che adesso è l'aria stessa dei tuoi giorni. Non senti che già qualche cosa ci separa, e questa discussione medesima è angoscia, è ombra che non se ne andrà via presto? Non senti che questo Straniero starà lí per molto tempo, in mezzo a noi, e finirà col portarti via? E la verità sola, in tutto questo, è che io ho bisogno di te, mamma, ma quale sei stata fino adesso, perché il fiore della mia vita si apra tutto, in quest'atmosfera vergine. Non senti ch'io ho paura, se tu accetti, di diminuirmi, di piegarmi nelle file dell'innumerevole gregge umano?

STRANIERO