Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 131 —


— La vorrei riprendere, sì, ma la vorrei giovane e con qualche cosa; ma ho paura di queste, salvo ognuno.

Fece le corna e rise: e all’altro parve che lo pigliasse un po’ in giro.

— E vostro fratello?

— Ah, quello poi ha fatto voto di castità. Odia le donne e fugge quando le vede: del resto fugge anche gli uomini; questa sera non è voluto venire con me a salutarla, e, vedrà, non le riuscirà di parlargli due volte in un anno.

— Bene, così saremo più amici.

— Non creda che anch’io ami le chiacchiere, — assicurò subito il contadino; — ma qualche volta bisogna sfogarsi. E se non ci si sfoga con gli uomini con chi lo si fa? Lei dicono che è stato maestro, e quindi sa molte cose. Molte cose.... — ripetè pensieroso. — La vecchia ch’era qui mi disse: quando hai bisogno di consiglio va da lui perchè è un sapientone.

— Che ne sa la vecchia di me? E se fossi stato un uomo sapiente non sarei qui. Ad ogni modo, però, se mi chiedete un consiglio ve lo posso dare, come voi potete darlo a me.

— E se lei ha bisogno dì qualche cosa, — riprese l’altro incoraggiato e riconfortato, — comandi pure. La vecchia forse le ha parlato male di noi, perchè con Gesuino appunto non andava d’accordo, e il figlio pretendeva che si fa-