Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 185 —

pre le sue opinioni: lo fissò quindi in viso e disse:

— Proto, voi avete da dirmi qualche cosa?

Ritaglio separatore capitoli grappolo.jpg

Proto capisce che con quell’uomo lì bisogna sfrondare i discorsi e venire al fatto nudo e secco.

— Il fatto è questo, — dice, irrigidendosi; — lei forse lo ha indovinato. Quella ragazza fa al fatto mio. È sana e robusta, e con me, e con la vigilanza anche di Gesuino, filerebbe dritta.

— Ma se Gesuino è più cotto di voi?

— Non importa; gli passerà, e se no gliela faccio passare io: lo mando via, ecco tutto, che meni vita da sè; ma questo non accadrà, perchè noi ci vogliamo troppo bene. Lei sa il proverbio: dove ci si mangia ci si lagna.

— La ragazza è incinta in cinque mesi, voi lo sapete, e già lo si vede, del resto.

— Non importa: si aspetta che sgravi, che allatti, che le cose vadano tutte a posto. Il figlio, oh, s’intende, lo piglio io, lo legittimo io.

Davanti a questa serenità di pietra il maestro rimane scosso: tutto gli appare come un feno-