Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 284 —
Ritaglio separatore capitoli grappolo.jpg

Ritornò in treno portando un pacco di biscotti per Ornella.

Gesuino era lì ancora e scopava davanti alla casa.

— La concolina? — domandò il maestro.

— Eh, l’ho rotta, — disse il contadino, ma i suoi occhi sprizzavano una luce maliziosa. Infatti la concolina era lì dentro, in bella mostra sopra la tavola, intatta e pulita come venisse appena dal negozio: e il maestro le girò curioso intorno, quasi dubitando di una mistificazione; poi si mise a ridere infantilmente.

— E va bene, — esclamò, levandosi il cappotto con sveltezza giovanile: — non è venuto nessuno?

— È venuta solo quell’accidente della levatrice: e per poco non mi bastonava perchè non c’era l’acqua calda pronta. Ma è brava, veh; in due minuti ha fatto tutto.

— Hai dato qualche cosa a Ornella?

Gesuino esitò a rispondere: ma era un uomo scrupoloso e non amava dire bugie.

— Volevo darle una tazza di brodo, come lei