Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 41 —

colpa a un uomo se qualche volta va a divagarsi innocentemente fuori di casa.

— Ah, ci siamo! Dunque torti gliene fai a tua moglie.

— Ma che torti! Torto è quando un uomo porta via di casa l’amore per la moglie e sopra tutto la roba. Ora io posso giurare che non ho mai speso il becco di un quattrino per le donne, anche perchè non lo meritano. Sono tutte più o meno sgualdrine, — affermò, sputando lontano, — e sono loro che vanno a cercare gli uomini, specialmente quando, via, accidenti alla modestia, sono giovani e forti come il sottoscritto. D’altra parte, appunto perchè si è esuberanti di salute, si ha bisogno di qualche svago. E neppure le mogli buone, come lo è Marga in fondo, fanno grande caso di questo. Non siamo più negli antichi tempi; e anche Salomone, del resto, ha avuto bisogno di più di una donna.

Il maestro smise di fumare; riconosceva ragionevole tutto quello che Antonio diceva; però ne provava dispiacere e quasi disgusto.

— Si va nel campo del vizio, allora, — ribattè, pur con la triste convinzione di non essere inteso; — ed io ammetto la colpa per amore, ma per vizio no. All’uomo deve bastare una donna, e alla donna un uomo, così comanda Dio, e così comandano anche le leggi della vita. So che io, se avessi preso moglie, non l’avrei mai tradita.