Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 89 —


Dolcemente strappò Ola dalla donna, la strinse a sè, e si accorse ch’ella si nascondeva vergognosa contro di lui. A poco a poco i singhiozzi e gli stridi dell’altra cessarono; a poco a poco ella sollevò la testa come ascoltando un rumore lontano; poi si soffiò forte il naso con le vesti, e d’improvviso sgusciò via strisciando un po’ curva lungo la parete.

Il maestro non disse una parola per trattenerla: solo scosse la bambina e la staccò da sè.

— Non vedi che mi sporchi tutto col tuo moccio? — gridò.

E bastò questo per dissipare la tempesta. Poi tutti tornarono al lavoro.


Il giorno dopo era quello della febbre, e Ornella rimase giù a sorvegliare Marga, mentre il maestro rifiniva le decorazioni del salotto. Ecco attaccato in alto il bordo della tappezzeria, rosso a striscie d’oro, che sembrava di broccato; adesso restava da ritingere lo zoccolo giù in fondo alle pareti, e anche a questo s’era provveduto, con un barattolo di vernice che pareva cioccolata sciolta e dentro il quale Ola frugava con delizia ritingendosi per conto suo le dita e la vestina.

A mezzogiorno tutti e due lavoravano ancora quando salì Antonio per chiamarli a colazione; Ola gli corse incontro destando, come sempre,