Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 11 —

chiuso in casa con l’infinita tristezza che lo intorpidiva, desiderii misteriosi di cose ignote, introvabili, che l’annebbiato pensiero non riusciva a definire, gli davano come una ineffabile volontà di piangere.

In una di quelle sere, vestito di nero, era sdraiato sulla bassa ottomana turchina del salottino attiguo alla camera da letto, e scorreva alcuni giornali posti sopra un tavolinetto di sughero traforato. La sua bella e fiera testa dai biondi capelli irti affondava dolcemente e spiccava sul velluto nero di un cuscino, lavoro e dono della figlia d’un suo parente accasato oltremare. Il cuscino era morbido e tiepido, e il velluto carezzava la nuca e la guancia di Stefano con la dolcezza d’una mano femminile. Egli vedeva i giornali e i caratteri attraverso una tenue nebbia giallastra; ciò che leggeva lo interessava, ma nonostante, la mano lasciava con stanca indifferenza cadere i fogli sul tappeto formato da una gran pelle bionda di cerva, orlata di scarlatto dentellato e adorna d’alte e ramose corna color bronzo.

Sonnecchiava, sdraiato con eleganza sulla pelle, un bellissimo cane da caccia, nero, lucente, chiazzato sul dorso di larghe macchie lattee; al contatto dei fogli lasciati cader dal padrone, scuoteva un po’ la larga coda morbida e provava un brivido che lasciava scorgere il lieve ondulamento delle vertebre. A un certo