Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 38 —

poi s’accomodò elegantemente sul pavimento, a coda tesa, aspettando e seguendo con gli occhi il movimento del fuso.

Quando il tuorlo e lo zucchero furon ridotti ad una specie di crema, donna Maurizia si alzò e versò nella scodella il caffè bollente, limpido e rosso come vino.

In quel punto entrò Maria, e il gattino le andò incontro miagolando.

— Perchè ti sei levata? — rimproverò donna Maurizia.

— Non vi pare ora? E poi ho sentito che mi chiamavano: chi era?

— Prendi, disse la madre porgendole la scodella scintillante.

— Chi è venuto? — ripetè Maria guardando lo spirito d’uovo senza sorbirlo; e il gattino le si arrampicava sul grembiale.

— Scendi giù, Mimìa, impose donna Maurizia con l’indice teso. — Era quella sciocca di Serafina. Tuo cognato pare che ieri notte, andatosene di qui, abbia fatto qualche stravizio ed ha la febbre di nuovo.

— Dio mio, il vino! — pensò Maria, e per il rimorso e per il calore interno della bevanda che lentamente sorbiva, arrossì fin sulle mani. — Ma che stravizio poteva fare? — osservò timidamente.

— E che stravizio fanno i viziosi? — gridò