Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
110 la via del male

Ma egli non mantenne le sue promesse, e tanto meno pensò ad andarsene. Per qualche settimana non osò veramente sollevare gli occhi davanti a Maria e non le rivolgeva la parola se non interrogato. Lavorava nella vigna, e spesso non ritornava in paese neppure alla sera.

Una domenica, però, agli ultimi di carnevale, egli si trovò solo con Maria nel cortile caldo e allegro di sole.

Entrambi si disponevano ad uscire, Maria vestita a festa per andare alla predica, egli bellissimo in un costume nuovo fiammante.

— Dove vai? — ella domandò, allacciandosi il corsetto che di solito le donne nuoresi, quando stanno a casa, tengono slacciato.

— Io vado a veder le maschere.

— Faresti meglio ad ascoltar la predica.

Pietro la guardò; i suoi occhi ardevano e la fissarono a lungo, insistenti e avidi. Ella ne arrossì.

— Se tu vuoi, vengo... Non mi importa niente del carnevale, Maria. Dove non sei tu io non vivo...

— Comincia a finirla, Pietro...

Egli la guardava sempre con occhi fascinatori.

Maria s’allontanò rapidamente da lui e uscì, e Pietro ebbe l’impressione ch’ella fuggisse.

Altri giorni passarono; la primavera, la grande complice degli amanti, sopraggiungeva tiepida, ec-