Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
222 la via del male

gava con quel grido caratteristico, col quale talvolta i paesani nuoresi vogliono esprimere la loro gioia. Ma sembrava un urlo di angoscia dispettosa.

Tutta la notte egli fece baldoria.

Maria Franzisca lo attese a lungo, e quando egli arrivò ed ella lo accolse ubbriaco fra le sue braccia, lo sentì gemere e lamentarsi come un malato.