Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
244 la via del male


XVIII.

Passò qualche lempo prima che Antoni tornasse. Maria tendeva l’orecchio ai minimi rumori della tanca, ed a misura che l’ora passava la sua tristezza e la sua inquietudine crescevano.

La luce del fuoco descriveva un semicerchio rossastro al di fuori dell’apertura della capanna: sopra la nera linea dei boschi tremolavano le stelle brillanti.

I cani s’erano calmati; soltanto uno, in lontananza, abbaiava ancora.

Finalmente il pastore tornò.

— Dev’essere proprio come ho detto io: devono aver trovato le traccie e inseguono i ladri. — disse; ma la sua voce era incerta.

— No, no, dev’essere accaduta una disgrazia; lo sento, — gemette Maria, balzando in piedi e torcendosi le mani con disperazione.

Il pastore cercava di rassicurarla, ma ella non udiva le parole di lui: provava una penosa sensazione, le pareva d’esser cieca o che la notte do-