Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290 la via del male

quel giorno d’autunno, in cui egli le aveva promesso di «dirle qualche cosa!» Come il mondo cammina e le sorti umane mutano! Chi va su con le falci attaccate ai piedi, e arriva dove vuole; chi cerca di arrampicarsi a piedi scalzi, e scivola malamente! Basta: speriamo vi sia almeno giustizia nell’altro mondo: in questo non ce n’è davvero.

— Dunque, — disse l’Antine. mentre Sabina baciava la sua bambina per nascondere il lieve turbamento che la trionfante presenza di Pietro le destava; — vuoi o no andare con tuo marito? Sei troppo giovine per restar sola tre mesi a casa.

— Ad ogni modo non cercherei te per farmi compagnia! — rispose pronta Sabina. Poi s’informò se per il tempo della raccolta la lavorazione sarebbe finita.

— Tu hai seminato soltanto frumento, — disse a Giuseppe. — Potremmo quindi restar lì fino a luglio.

— Va bene, fino a luglio — accettò l’Antine. E fece un segno sul suo taccuino.

I lavoranti partirono pochi giorni dopo; oltre Sabina, tre povere donne seguirono i loro uomini.