Pagina:Della Nuova Istoria.djvu/383

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33

che trassero a sedizione l’esercito erano fuori della potestà di Giuliano. Coi pochi soldati di Gallia, senza che un nazionale avvenimento sorgesse ad accrescerne il numero ed a riaccenderne il coraggio, pensar egli non poteva d’accingersi a tanta impresa, e contrastare con (ulte le restanti forze dell’impero. Ma dichiaratisi i soldati, e già avvenuta la sedizione, diremo noi che con arte e sagacità non ne regolasse a proprio profitto! movimenti? Lupicino comandante della cavalleria, principale ministro di Costanzo, a cui spettato avrebbe il dissuadere o frenare i soldati, trovossi assente dalle Gallic per ordine del generale (50). Aperto avendo una fiata l’esercito la sua volontà, non lasciavagli più libertà nella scelta la ribellione’, eragli d’uopo o vincere col nuovo, o perire vittima dello sdegno del vecchio principe. Poteva dunque Giuliano simulare insicurezza un’avversione alla porpora, ed opporre una resistenza che, mentre mezzo era validissimo a meglio accendere e confermare i desideri di una disordinata moltitudine, offeriva altresì verso Costanzo una giustificazione non solo onesta ed opportuna, ma atta in singoiar modo a salvare la fama del nuovo Augusto. Non mai si seppe l’autore de’libelli sparsi fra le legioni che sopra ogn’altra cosa volsero a commuoverle, nè per cui mezzo fossero stati diffusi. Non fu, concedesi, per suo avviso che i soldati in partendo pigliassero la strada di Parigi (51), nè ch’ei gli arringasse, ciò che valse a rinfrescare le piaghe e ad offrire nuova esca al tumulto^ ma se pericoloso sembrar poteva un ultimo congresso, pericolosa novità del pari sarebbe stata la partenza d’un esercito usqito di Prefazione di S. P. alle Op, se. di Giuliano. 3