Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 121

salciccia — comprati il giovedí mattina prima ch’esca il sole, e pagandole al bottegaro quanto ne chiede, e arrostite a fuoco di legne di lauro senza parlare e con certe polveri di sopra, — ne fo un capestro, ce lo pongo in gola, e non potrá piú parlare.

Pirino. Questo secreto l’ho provato molte volte e non mi è riuscito.

Forca. Perchè non sai tutte le cerimonie che vi si convengono; overo farò esperienza di una certa onzione.

Pirino. Che onzione?

Forca. Medolle di ossa di bue cotte in certi pasticci, grasso di caponi in suppa, e la domenica mattina a digiuno li ongerò la gola.

Pirino. Questi grassi lo faranno vomitar piú tosto quanto saprá di noi.

Forca. Anzi è contro il vomito, e l’ho esperimentata con voi piú volte.

Pirino. Fa’ come vuoi, non ti vo’ contrariare in questo; dimmi, che hai disegnato di fare?

Forca. Ascolta: io so far una polvere di carboni che, meschiata con olio e ongendone la faccia, la fará nera come un schiavo, d’un nero assai naturale.

Pirino. A che servono i carboni?

Forca. In simili carboni sta tutto l’inganno e la furberia: questi trarranno i danari di man di vostro padre, inganneranno Mangone e vi faranno posseder Melitea. Questa polvere la buona memoria di mio padre usava spesso ne’ suoi ladroneggi, con questa scappò mille volte da prigionia, dalla galea e dalla forca — che era la piú reverenda persona del mondo; — io che camino per le paterne vestigia, imitator della sua virtú, me ne sono servito in molti casi importantissimi.

Pirino. Che abbiamo a far con la polvere?

Forca. Con quella polvere ti ungerò le mani e la faccia, che parerai un schiavo naturalissimo.

Pirino. Poi?

Forca. Poi pregaremo Alessandro vostro amicissimo, che preghi vostro padre, che compri da Mangone un schiavo di