Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/328

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
318 la tabernaria


Lardone. Al pedante l’è stato tolto il salano della lettura in Salerno, ed egli vuole andarsene in Roma: e questa sera con la figlia e la balia se ne vengono in Napoli; ed io vado innanzi, al Cerriglio, col tedesco ad apparecchiar la cena.

Cappio. Lardone, se cosí è, or è venuto il tempo che daremo un poco di legno santo e di salsa alle tue veste e le guariremo della peluia che l’ha fatto cadere il pelo; ed alla fame del tuo corpo gli daremo una medicina di zuppe lombarde, di pignatte maritate, di capretti allattati da due madri, di maccheroni fatti di molliche di pane e di pelle di capponi bogliti nel brodo grasso di galli d’India. Per vini, liquori di vini grechi, lacrime, moscatelli di amarene. Queste vivande nuove ti scacciaranno dal corpo quella fame invecchiata che tu dici.

Lardone. O che prurito alla gola! Eccomi per servirti a piedi ed a cavallo; ma intendiamo, che servigio volete da me?

Cappio. Ben sai quanto Giacomino mio padrone muore per Altilia e quanto è riamato da lei. Ben sai quante volte t’ha pieno il corpo e fattoti mutar vesti come il serpe la primavera.

Lardone. Che vuoi dir per questo?

Cappio. Giacoco, il vecchio, è gito a Posilipo alla vendemia, e noi siamo rimasti soli in casa. Il padron giovane or m’inviava a Salerno per avvisarvi che voleva venir colá; ma poiché si viene questa sera in Napoli per alloggiare col tedesco nel Cerriglio, noi accomodaremo la nostra casa in foggia di taberna, ed io sarò il tedesco — che per esser io stato per molti paesi, so alquanto di quei paesi. — Il pedante non mi conosce nè mai fu in Napoli: stimare la nostra casa il Cerriglio; e venendo Altilia in casa nostra, puoi imaginarti se sará ben pasciuta di saporitissimi cibi.

Lardone. Dubito che questi cibi non mi strangolino.

Antifilo. (Mira che diabolica invenzione per condurre Altilia in casa di Giacomino!).

Cappio. Tu non ti morrai piú di fame.

Lardone. Ma di capestro.

Cappio. Eh, tu vuoi la baia!