Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/352

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
342 la tabernaria

casa? Vuoi ca dorma miezo sta chiazza? O Cielo, ca vedesse Chiappino, ca me facesse mparare la via!

Cappio. Che omme stare chesse Chiappine?

Giacoco. No catarchio, no catámmaro peio ca non si’ tu.

Cappio. Tu mentire per le gole, che cheste Chiappine stare gran omme da bene.

Giacoco. Ora chesta è la ionta dello ruotolo, avere a competere co no tavernaro. Basta, ca me ce hai cogliuto solo e de notte; se nce fosse cca Chiappino, mò che sto ncepollato, te faria dare cinquanta smorfie e schioccolate a sso celevriello. La mentita è morta e no baie.

Cappio. Chiappino essere ommo onorato commo me stesso.

Giacoco. Scompimmola priesto, ca no pozzo scellebrareme con tico, che te venga no cuofano de malanni. Me voglio partire, ca sta cosa è pe venire a fietu. Te tengo alla camera de miezo; viene e famme na cura co lo muto.

Cappio. Mi volere serrare le ostellerie, bone notte, e se non la volere, la mala notte.

SCENA IV.

Giacoco, Cappio.

Giacoco. Serra, ca te sia serrata la canna dello manduoco co no chiappo. O negrecato Iacuoco, ca no saccio che m’è ntravenuto, ca sto peo che se fosse ncappato nmano de turchi. So stracco, ca so curzeto commo a no fúrgolo, e me siento, ahie! morire de famme; e borria ca no stráulo me strassinasse alla casa mia. O mamma mia, commo faraggio? ca penso ca so spiritato e averaggio ncuorpo quarche spirito maligno, e bisognare ca vaia a Surriento a fareme scongiurare. Non saccio che fare; sto commo a no pollicino mpastorato alla stoppa.

Cappio. O padron mio, che siate il ben trovato!

Giacoco. Eilá, fosse Chiappino chisto? eccotillo, isto è isso. Che singhi lo ben trovato, ca ieva sulo e me parea ca ad ora ad ora me fosse pigliata la mesura dello ioppone.

Cappio. Come! tornate da Posilipo a quest’ora?