Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 della geografia di strabone

quarte parti predette immaginiamo uno spazio quadrilatero, in cui il lato settentrionale sia la metà del cerchio parallelo all’equatore e vicino al polo; ed il meridionale la metà dell’equatore: e gli altri due fianchi siano segmenti del cerchio che passa pei poli, opposti fra loro e di uguale grandezza: e nell’una o nell’altra di quelle due quarte parti (nè punto v’ha differenza qualunque delle due si pigli) diciamo essere posta la nostra terra abitata, cinta all’intorno dal mare e somigliante ad un’isola; ciò che già si è detto essere dimostrato dal senso del pari che dalla ragione. Se poi qualcuno a questo non crede è cosa indifferente alla geografia o che si faccia della terra un’isola come l’esperienza c’insegna, o che si conceda invece ch’essa può navigarsi tutto all’intorno partendosi da levante o da occidente, tranne soltanto alcuni piccoli luoghi nel mezzo. I quali si possono indifferentemente supporre occupati o dal mare o da terra non abitata; perocchè il geografo curasi di descrivere le parti conosciute della terra abitata, e passa sotto silenzio quelle che sono tuttora ignote non altrimenti che quelle situate fuori di essa. E però a compiere tutta la figura dell’isola che abbiamo già detta basterà congiungere con una linea retta i punti estremi della navigazione dall’una e dall’altra parte.

Si ponga pertanto quest’isola nel quadrilatero che abbiamo detto: poi se ne pigli la grandezza apparente1,

  1. Strabone non pretese di determinare i limiti meridionali e settentrionali della Terra abitata se non per approssimazione, e