Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 3.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro settimo 193

riva dell’Istro nella Tracia cinquanta mila uomini Geti, di una schiatta che ha la medesima lingua dei Traci. Ed ora abitano quivi e sono chiamati Mesii, o che anche i loro maggiori fossero chiamati con tal nome, e poi nell’Asia l’abbiano cambiato assumendo quello di Misii; o che invece (e questo è più conforme alla storia ed a quanto dice il poeta) avessero il nome di Misii anche prima. Ma di costoro s’è detto abbastanza; ed ora procediamo al rimanente della nostra descrizione: e lasciando in disparte le cose antiche dei Geti, la loro presente condizione è questa. Berebista Geta essendo asceso alla supremazia della nazione, rimise in buono stato i suoi sudditi condotti a male da guerre continue; e tanto coll’esercizio, colla sobrietà e coll’attendere a tutte le cose opportune li innalzò, che in pochi anni venne a formare una gran signoria, ed ai Geti sottomise la maggior parte dei confinanti: che anzi riuscì terribile anche ai Romani, attraversando a suo talento l’Istro, e depredando la Tracia fino alla Macedonia e all’Illiria: quindi manomise que’ Celti che trovansi frammisti ai Traci ed agl’Illirici, e fece sparire al tutto i Boj sudditi di Critariso, ed i Taurisci. Per rendersi ubbidiente la propria nazione ebbe cooperatore quel Dicineo impostore, il quale viaggiò per l’Egitto; ed avendo quivi imparate alcune divinazioni, colle quali prediceva i voleri degli Dei, per poco non fu annoverato fra i Numi, siccome dicemmo allorchè abbiamo parlato di Zamolxi. E della ubbidienza prestata a Berebista v’ha questo indizio, che i suoi sudditi lasciaronsi persuadere a tagliare

Strabone, tom. III. 13