Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 3.djvu/538

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
530 della geografia di strabone

rono nell’Etolia e impadronironsi dei luoghi circostanti a Pleurone: ma quelli i quali abitavano al di ìà dell’Acheloo, perchè conservarono le loro teste non tosate1, si dissero Acarnani.

Alcuni altri asseriscono che tutti e due questi popoli ebbero il loro nome da in eroe2. Altri invece portano opinione che i Curati siano stati detti così dal monte Curio3 imminente a Pleurone; e dicono che sono una gente Etolica; quali erano anche gli Ofiesi, gli Agrei, gli Enritani ed altri parecchi.

Quando poi l’Etolia fu, come abbiamo già detto, divisa in due province, si crede che Oeneo occupasse i luoghi circostanti a Calidone, e che una parte della Pleuronia fosse occupata da quei Partaonidi che seguitarono Agrio; giacchè secondo Omero furono

dell’alta
Calidone abitanti e di Pleurone4.

E nel restante della Pleuronia signoreggiò Testio suo-

    ciando da quello punto, di sostituire la voce Coureti a quella di Cureti, per accostarsi così all’etimologia; della quale a me pare che basti avere notizia, senza alterare il modo ordinario di scrivere un nome sì conosciuto.

  1. [testo greco]
  2. Rispetto agli Acamani lo avevan ricevuto da Acarnano figliuolo di Alcmeone; ma da qual eroe sarà venuto il loro nome ai Cureli o Coureti? (Edit. franc.).
  3. La posizione ed il nome moderno di questo monte noa si possono precisimante indicare. (Edit. franc.).
  4. Il., lib. xiv, v. 116.