Pagina:Delle cinque piaghe della Santa Chiesa (Rosmini).djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44
 
 


si desiderò, si disse, e si tentò più recentemente ancora di fare in una Capitale cattolica, per istituirvi un patriarca e produrre nella Chiesa un nuovo scisma.

62. Queste divisioni funestissime, che lacerano il seno della Sposa di Gesù Cristo, non fanno meraviglia, ove si consideri che se i primi Vescovi che dovettero immergersi ne’ negozî temporali, avevano il petto sì santo e l’animo veramente sì episcopale, che nol facevano se non con infinito dolore e con lagrime; non fu però il medesimo di tutti i loro successori. Dall’episcopato povero e faticante nella predicazion del Vangelo e nella cura immediata dell’anime, tutti quelli che erano dominati da uno spirito secolare, da cupidigia di ricchezza, e da avidità di potere profano, stavano assai lontani per sè medesimi; conciossiachè non trovavano in esso che travagli e sollecitudini, e ben sovente ancora persecuzioni, stenti, martirî; e tanta era poi la fortezza, tanto lo spirito di sacrificio da esse richiesto, che potevasi ben dire di un tal posto quello che ne disse l’Apostolo: «Chi desidera l’episcopato, desidera un’opera buona (Timoth. iii, 1,).» Ma gli uomini santi lo fuggivano tuttavia per un’altra ragione, cioè perchè vedevano in esso una dignità al tutto divina, quale è agli occhi della fede, a cui Iddio solo potea chiamare e sollevare; e perchè occupati da un umile sentimento di sè medesimi, non si credevano a pezza forniti di quelle virtù che sì grande e sì divino ministerio richiedeva per sua natura. Indi avveniva, che non presentandosi alcuno aspirante alle cattedre vescovili, la Chiesa era libera nella sua scelta, ed ella stessa andava in cerca degli uomini i più santi, con ispassionato giudizio, cioè senza che il giudizio fosse prevenuto e turbato da alcuna propensione degli elettori, e da alcun maneggio dei candidati. E così la elezione cadeva su personaggi, la pietà e sapienza de’ quali più risplendeva. Ma mutossi questo buon ordine, tosto che il Vescovato non fu più un puro potere spirituale, e si aggiunse a lui l’amministrazione di abbondanti ricchezze, e le cure di temporali reggimenti. Egli allora divenne via più pauroso e importevole ai santi, che con ogni industria da lui lontani si riparavano, fino ad obbligarsi co’ voti di schivarne il peso, come fecero quegli apostolici uomini che, avanti tre secoli, ebbero il Lojola a capitano in fondare una compagnia di operai infaticabili nella vigna del Signore1. E nel tempo stesso l’episcopato trovò d’allora in poi troppi più concorrenti, che non sarebbe a lui abbisognato, cioè tutti quelli che andavano in cerca di una temporale fortuna, ed avean chiusa altra porta migliore e più difficile a chiudersi, di quella della Chiesa.

Nacque allora appunto la divozione materiale e di formalità de’ nobili; nacque quel merito de’ plebei che si fece consistere in destrezza di maneggiare affari o in iscienza di leggi canoniche, anzichè in zelo e in virtù di maneggiare la spada della divina parola e di guidare anime al Cielo, allora non videro più i principi terreni e i grandi ne’ pingui vescovadi, che de’ mezzi di premiare dei loro adulatori o dei loro ministri, o pure collocamenti pei loro figliuoli cadetti o anche naturali: e ciò che da prima si fece per istinto d’inconsiderata cupidigia, non andò guari, che divenne un sistema politico e per poco costitutivo dello Stato. Potrei nominare in esempio di ciò che dico indifferentemente qualsivoglia nazione cristiana di Europa: perciocchè considerando in ciascheduna, a qual termine vennero le cose della Chiesa, troverassi che nel fondo

  1. Molti prendono una specie di scandalo in veggendo che i religiosi tanto fanno nella Chiesa, senza tuttavia esser pastori, e con privilegi che in gran parte li sottraggono al governo de’ Vescovi. Ma non è egli evidente, che questo fu un mezzo della Providenza, col quale ella sostenne la Chiesa di Dio, nel tempo appunto che i Vescovi erano distratti dalle temporali grandezze? L’istituzione dei frati mendicanti nel secolo xiii, e dei Cherici regolari nel xvi, ha manifestamente questo scopo di supplire a ciò che non faceva quello che si chiamò pur troppo il Clero Secolare.