Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— 829 —

lì Leonida. Stabilite poi che si furono tutte queste genti suiristmo, primieramente interruppero la via Scironica; e poi, cosi come avevano deliberato, effettivamente innalzarono una murag:lia attraverso l’Istmo. Nella quale opera essendo impiep^ate molte miriadi di manovali, di cui nessuno restava in ozio, essa avanzava celeramente. Chi portava pietre, chi mattoni, chi pali, chi fferle piene di sabbia: e gli uomini alternandosi continuamente nel lavoro, questo non posava mai né il dì né la notte.

72. I popoli poi c!ie concorsero con tutte le loro forze alla difesa dell’Istmo, furono precisamente i seguenti: I bcedemoni, cioè, gli Arcadi, gli Elei, i Corinti, i Sicioni, gii Epidaurì, i Fliasi, i Trezenì e gli Ermionì. Questi furono quelli che in realtà si commossero dirimpetto alla fortuna pericolante dell’Eliade; laddove agli altri Peloponnesi parve che non ne importasse per niente. E si, che le feste Olimpiche e le Carnie erano già finite.

73. Sono in numero di sette i popoli, fra cui si divide

li Peloponneso. Due dei quali (che possiamo considerar

Cflme autottoni ) restano sempre fissi a quel medesimo

suolo che essi occuparono fin da principio; cioè a dire,

gii Arcadi e i Cinurì. Un altro popolo, che è l’Acheo,

senza lasciare i termini del Peloponneso, cambiò soltanto

l’antica sede per una nuova. I quattro popoli rimanenti,

infine, sono avventizi dei Peloponneso per loro origine;

6 ti distinguono in Dori, in Etolì, in Driopidi e in Lemnì.

Ai Dori appartengono molte ed illustri città della regione

peloponnesia; agli Etoli la sola città di Elide: ai Driopidi,

Ermione e Asine (posta di faccia alla laconica Cardamiie);

e i Lemni sono tutti Paroreati. I Cinuri, infine, nella loro