Pagina:Delle strade ferrate e della loro futura influenza in Europa.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

95

mente che gl’Inglesi cessano dal calcare una strada ad essi per tanti secoli sorgente di copiose ricchezze, per adottarne un’altra che la decadenza del traffico veneziano nell’Asia mostrò essere men utile.

Allorchè i Veneti percorrevano la via delle Indie, toccando Babilonia ed il Golfo Persico, ovvero l’altra per l’istmo di Suez e l’Eritreo, non avevano rivali e tutte le produzioni dell’Asia richieste e consumate in Europa, qui si avevano dalle loro mani. Ma scopertasi la strada dell’Oceano e sormontato il capo delle tempeste, i Portoghesi, gli Olandesi, gli Spagnuoli ed Inglesi corsero ai mercati asiatici, e provvedendo da se stessi ciò che altre volte compravano dai Veneziani, tolsero a questi l’importante occasione del traffico.

Il giunger più presto alle Indie pas-