Pagina:Delle strade ferrate e della loro futura influenza in Europa.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96

sando per l’Eritreo od il Persico, non giovava ai Veneti, poichè il pronto arrivo, che d’altronde non era senza gravi pericoli e spese, non impediva il concorso degli altri trafficanti d’Europa, pel quale alzavasi il prezzo delle merci asiatiche e ribassava quello delle europee; il giungere più presto nell’occidente non facilitava ai Veneti lo spaccio delle merci indiane, poichè le nazioni seppero sin d’allora stabilire dazj sulle mercanzie condotte dai forestieri, e quindi togliere ai Veneziani l’occasione della vendita, ed i lucri del traffico.

Ora che il monopolio del commercio asiatico è quasi intieramente fra le mani inglesi, ora che la potenza loro tiene in rispetto la ferocia dei barbari, e può quindi camminar per la via più breve di terra alle Indie, sperano con ciò impedire o rallentare il traffico che potreb-