Pagina:Delle strade ferrate e della loro futura influenza in Europa.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160

delle nazioni europee nell’alba della civiltà tentarono la via dell’Asia, ed andarono, come gli argonauti, alla conquista del vello d’oro. Ma la rabbiosa gelosia rese spesso incerte le speculazioni; la difficoltà e la lunghezza del tragitto spesse fiate le rovinò; il genio malefico delle guerre, frequentemente combattute fra i Principi del continente, insegnò a danneggiare il nemico, rovinandone il commercio; ondechè il placido trafficante, depredato dalla forza ostile, perdeva colla propria fortuna il coraggio ed il gusto alle speculazioni oltremarine.

Ora offresi al commercio europeo una via sicura, più breve, meno costosa, che dall’Asia solca il continente e lo divide; essa è come il gran fiume che s’innoltra fra assiderate campagne, e vi reca la fertilità e l’abbondanza; getta rami con cui ogni nazione può ricavar quanto