Pagina:Delle strade ferrate e della loro futura influenza in Europa.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

67

ancor della favella. Allorchè Roma dall’altezza del campidoglio teneva suddito il mondo, la lingua del Lazio dirozzava la favella dei Galli, dei Celti, e degli altri popoli soggetti. Ma l’Italia cadde sotto l’impero dei Barbari, e la purezza della lingua latina venne contaminata, quindi distratta dai nuovi dominatori. La lingua latina non cedette già il luogo al dominio delle lingue celtiche o slava; bensì con esse si formò un impasto, che generò nuove favelle più analoghe tra loro, e certamente più dicevoli ai progressi dell’incivilimento.

Le guerre di Luigi XIV ed il commercio, che circa que’ tempi percorse con più ardito e stabile piede il continente, propagarono la lingua francese, che divenne in Europa, ed altrove, la lingua di convenzione del commercio