Pagina:Diario del principe Agostino Chigi Albani II.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 83 — A. 1849

Mercoledì 16. — Circa le 6 pomeridiane è partita gran quantità di truppa per Porta S. Giovanni, pare coH’idca di andare ad atuccare il corpo d’armata Napoletano. — Pare che siano intavolate delle trattative tra Mr Lesseps e il nostro Ministero. — Questa sera poco prima della mezzanotte è giunta la Legione Mezzacapo con artiglieria e cavalleria oltre numerosa fanteria, proveniente, si dice, da Ancona.

Giovedì. 17. — Questa mattina è stato affisso che sono sospese le ostilità fra la Repubblica Romana e la Francia. Il Monitore poi di questa sera annunzia che Mr Lesseps ha richiesto di tenere conferenza con tre Deputati dell’Assemblea e il Generale Oudinot, e si è in seguito saputo che sono stati scelti dall’Assemblea stessa i Deputati Sturbinetti, Audinot e Cernuschi. — È voce generale che il Re di Napoli, informato della mossa delle nostre truppe (quali si vuole abbiano presa la direzione di Valmontone) abbia abbandonato Albano ed i Castelli più prossimi a Roma, per concentrare, si dice, le sue forze sopra Velletri.

Venerdì 18. — Nella notte scorsa sono stati requisiti dei cavalli e dicesi anche carri e carrozze per le nostre truppe, che agiscono contro i Napoletani, Delle loro operazioni nulla sin qui si è pubblicato dal Governo. — Avendo il Deputato Cernuschi rinunziato l’incarico delle trattative con Mr Lesseps ed il Generale Oudinot, gli è stato sostituito il Deputato Agostini. — Bologna, benchè sembri circondata da tutte le parti, sino al giorno 15 resisteva.

Sabato 19. — Questa sera una truppa di gente è andata a prendere da varie chiese (si citano S. Carlo al Corso, S. Giacomo, il Gesù e Maria e diverse altre) tutti i Confessionari, Pulpiti, si dice anche armi del Papa e li ha trasportati sulla piazza del Popolo per bruciarli, come si è cominciato ad eseguire. Si dice che si sia riuscito impedire colla forza il compimento dell’incendio.

Domenica 20. — Si parla sin da ieri dì un legno chiuso e scortato da Cavalleria e che eccita la curiosità; probabilmente è un sogno. — In una seduta a porte chiuse dell’Assemblea Costituente tenuta ieri sera, sì assicura siano state rigettate