Pagina:Dinamite.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 26 —


la marea che non si arresta colle dighe,
ma più si gonfia
ribolle e scoppia
Noi filiamo tessiamo e danziamo
armonicamente.
Coll’acciaio fulgente
il battito possente
il vostro cuore ardente.
Macchine, macchine nostre!