Pagina:Discorsi sopra la Prima Deca di Tito Livio (1824).djvu/384

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Le republiche
e gli principi veramente potenti
non comperono l’amicizie con danari,
ma con la virtù e con la riputazione
delle forze.

Erano i Romani assediati nel Campidoglio, e ancora ch’eglino aspettassono il soccorso da Veio e da Cammillo, sendo cacciati dalla fame, vennono a composizione con i Franciosi di ricomperarsi certa quantità d’oro; e sopra tale convenzione pesandosi di già l’oro, sopravvenne Cammillo con lo esercito suo: il che fece, dice lo istorico, la fortuna, «ut Romani auro redempti non viverent». La quale cosa non solamente è notabile in questa parte, ma etiam nel processo delle azioni di questa Republica; dove si vede che mai acquistarono terre con danari, mai feciono pace con danari, ma sempre con la virtù dell’armi: il che non credo sia mai intervenuto a alcuna altra republica. Ed intra gli altri segni per gli quali si conosce la potenza d’uno stato forte, è vedere come egli vive con gli vicini suoi. E quando ei si governa in modo che i vicini, per averlo amico, sieno suoi pensionari, allora è certo segno che quello stato è potente: ma quando detti vicini, ancora che inferiori a lui, traggono da quello danari, allora è segno grande della debolezza di quello.

Legghinsi tutte le istorie romane,