Pagina:Discorsi sopra la Prima Deca di Tito Livio (1824).djvu/615

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



DELL'IRA


E DE’ MODI DI CURARLA


DIALOGO


DI NICCOLÒ MACHIAVELLI1


Rettamente a me pare,2 Cosimo carissimo, che faccian quei prudenti pittori, li quali avanti che del tutto finischin l’opere loro, se le tolgono dalla vista per qualche tempo, acciocchè l’occhio per quello intervallo perdendo l’assidua consue-

  1. La varia erudizione ed il fiorito stile di questo pregevole Dialogo lasciano trasparire la gioventù dell’Autore, il quale probabilmente lo scrisse circa l’anno 1504
  2. Cosimo Rucellai, giovane di grandissima aspettazione ed amicissimo dell’Autore, il quale ne pianse teneramente l’immatura morte nell’introduzione al Dialogo dell’Arte della Guerra, in cui lo fa entrare come uno degl’interlocutori. Ad esso pure indirizzò i Discorsi sopra Tito Livio. Il Machiavelli frequentava i celebri Orti Rucellai, insieme con Luigi Alamanni, nominato più sotto, ed altri dotti e fedeli Amici, ove si trattenevano in filosofici ragionamenti.