Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74

no, che non si usava di prima, doveva seguirne, che togliendosi l’equilibrio, che la natura aveva posto fra questi due superflui, il superfluo del grano equilibrasse minor quantità di vino; Onde quel povero Uomo, che per tutto l’anno si provvedeva di vino col grano, che li sopravanzava, era necessitato a bere l’acqua per qualche mese, e consumarne in minor quantità. In tal maniera, venendo meno il consumo, rigurgitava nella sua sorgente, e perdeva il vino la stima in modo, che più non tornava conto lavorar le viti, e molto meno il piantarle.

Sopravvenir deve di tanto in tanto l’anno sterile, mancare il vino eziandio pel proprio consumo, non che per provvedersi di grano, e provavasi intiera la carestia.

[Si resiste alla provvidenza, negando di dare il superfluo a chi ne ha bisogno.] Senza questa legge di permutarsi il superfluo vicendevolmente, e di donarlo ancora a miseri gratuitamente, conforme dichiarò poi l’Incarnata Sapienza, che le na-