Pagina:Dizionario della lingua latina - Latino-Italiano - Georges, Calonghi 1896.djvu/381

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
737 defervesco deficio 738


β) come t. t. pubbl., αα) ad aerarium def., nel contesto anche sempl. deferre, deporre all’erario, portare o far portare in conto nei registri del tesoro, nomina judicum, Cic. Phil., 5, 15: partic. alqm in beneficiis ad aerarium def., o nel contesto sempl. deferre alqm, mettere qualcuno nel rendiconto, nella consegna dei conti al tesoro, sotto le gratificazioni da distribuirsi (che il proconsole durante la sua amministrazione aveva distribuite o promesso di distribuire), e quindi proporre all’approvazione del questore del tesoro, raccomandare al tesoro (allo Stato) di ammettere qualcuno fra chi doveva ricevete gratificazioni, Cic. Arch. 11; Balb. 63: ep. 5, 20, 7. ββ) def. alqd in censum, consegnare, indicare, dichiarare per l’imposta (di cittadini rom., all’incontro referre in censum [nel catalogo delle imposte] del censore o dei suoi dipendenti), patrimonium, Val. Max.: scire liceat, quanti (quanto alto) quidque in censum deferendum sit, Sen.: pregn., deferri in censum, di pers., consegnarsi per l’imposta, Eutr. 1, 7. γγ) def. censum, consegnare, dichiarare le proprie sostanze avanti al censore, Tac. ann. 6, 41.

dē-fervesco, fervi e ferbŭi, ĕre, cessar di bollire, finir di bollire, di fermentare, I) propr.: mustum deferbuit, Col.: ubi farina deferbuit, Cels. II) trasl.: A) (di commovimenti delle passioni) sbollire, calmarsi, quietarsi, defervescit ira, Cic. B) (quasi come il vino, cessar di fermentare e così) diventar limpido, schietto (chiaro e puro), del discorso, Cic. Brut. 316; or. 107. Plin. ep. 9, 10, 2.

det’eti$ìilìo, V. defatigatio. defatigo, V. defatigo. defetiscor (de- fatiscor), fessus sum, fetisci, diventar ias,so fino all’esaurimento, essere spossato, stancarsi, indebolirsi, CO’ZZ’infin., neque defetiscar usque adeo experirier, donec tibi etc, Ter. Phor. 589: nel partic. perf. defessus, a, um, lasso sino all’esaurimento, spossato, stanco, stracco, sfinito (contr. indefessus, integer, recens), milites, Caes.: senatus jam labens et defessus, Cic: coli’ abl. di che cosa? cultu agrorum, Cic: satietate, Cic: jubendo, Ov.: coli" indie, dove? coll’abl., defessus omnibus medullis, Catull.: trasl., di astr., defessa accusatio, fiacca, Cic I. Verr. 31. dèficio, feci, fectum, ere (de e facio), propr. levar via, I) intr. o rifl., andar via, ritirar s i, e precis.: A) sciogliendo Un’alleanza, Un patto, staccarsi, ribellarsi, mancar di fede, a) in senso polit. (contr. in Me manere, ad officium redire), defecerat Samus, descierat Hellespontus, Nep.: ne cuncta Gallia deficeret, Caes.: ut civitates ejus insulae numquam postea defìcerent, Cic: colT indie, donde? coli’ ab e Vabl., rar. col sempl. abl., ceteri qui una cum ilio a re publìca defecerunt, Cic: numquam isti populi, nisi cum deerit ad quem desciscant, ab nobis defìcient, Liv.: illis legibus populus Romanus prior non deficiat, antica formala di giuramento in Liv.: coli’ indie, a chi? con ad e Vacc. y defecere ad Poenos hi populi, Liv. b) moralm. o intellett. si virtute defeceris, Cic: ut a me ipse deficerem (diventassi infedéle a me stesso), Cic: si piane a nobis (dalla nostra opinione) deficis, Cic B) calando, sparendo, ritirarsi o rimaner lontano, staccare, cadere, finire, venir meno ì cessare, mancare, a) riguardo all’estensione, ampiezza, grandezza, altezza, del sole e del giorno, tramontare, declinare, speg-nersi, Prop. e Mela: parim. del sole e della luna, Cic. e Curt.: del fuoco e della luce, venir meno, mancare, spegnersi, ubi ignem deficere extremum videbat, Verg. Aen. 9, 352 (diverso da Verg. Aen. 2, 505, V. n° b): di acque, venir meno, diminuire, perdersi (contr. crescere, increscere, exuberare, exaestuare), uteumque exaestuat aut deficit mare, subisce il flusso e riflusso, Liv.: di fonti e fiumi, mancare, venir meno, essiccarsi, Ov. e Mela.’ del mondo, sparire, morire (contr. nasci), V. Quint. 5, 10, 79: di opere di fortificazione, piegare, cedere, munimenta defecerant, Curt. 4, 4 (19), 12. b) riguardo all’estensione in lunghezza, cessare, qua deficit ignis (ove non si è spinto il fuoco), Verg. Aen. 2, 505 (diverso da Verg. Aen. 9, 352. V. sopra n° a): gestatio buxo aut rore marino, ubi deficit buxus, ambitur, Plin. ep.: partic. di locai., deficiunt silvae, Ov. e) riguardo alla quantità, numero, contenuto, scemare, diminuire, non bastare (più), venir meno, mancare, far difetto, a) generic. (contr. crescere, superare), non materia, non frumentum deficere poterat, Caes.: cum ejus generis (tali uomini) copia deficeret, Caes.: non deficiente crumenà (con mezzi sufficienti) ’, Hor.: si lacrimae defìcient, Ov.: di astr., nec vero levitatis Atheniensium exempla deficiunt, Cic: deficit non voluntas sed spes, Cic: P) di pers., cum esset Demosthenes,- multi oratores magni et clari fuerunt et ante fuerant nec postea defecerunt, Cic d) riguardo alla durata, non bastare, essere troppo breve, dies deficiat, si velim numerare, quibus bonis male evenerit, Cic: ai tempus anni ad bellum gerendum deficeret, Caes. e) riguardo all’ordine successivo, alla successione, cessare, spegnersi, remotus jam deficientis affinitatis gradus, Plin. pan.: progenies, Caesarum in Nerone defecit, Suet. f) riguardo all’intensità, alla forzainterna, al grado, diminuire, scemare, venir meno, affievolirsi, indebolirsi, spegnersi, andar in rovina, sparire, cadere, essere sentirsi spossato (affaticato, stanco, stracco, lasso, sfinito), perder le forze, a) di sogg. mater., e precis. di membra, forze del corpo e simili, deficiunt corpora, Quint.: inclinatum ac deficiens caput, Curt.: membra deficere coeperunt, Curt.: me tenuit moriens deficiente manu, Ov.: deficiunt ad coepta manus, Ov.: deficientibus animis, mentre che l’animo veniva meno, Liv.: quamvis consenuerint vires atque defecerint, Cic: della voce e discorso, vox jam deficere coeperat, Curt.: credo, si meis horis in accusando uti voluissem, vererer, ne mihi crimina non suppeterent, ne oratio deesset, ne vox viresque defìcerent, Cic: deficiente oratione, mancandogli le parole, Liv.: di condizioni fisiche. itaque et animantes, cum calor defecerit, tum interire, Cic: di condizioni politi’he, bellum ibi aliquando defecit. Fior,- di condizioni intelGeorges-Calonghi, Dizionario latino-italiano. 24