Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

-99— CAY l’opposto si è: a basto rovescio; a fero de cavai, m. avv. a ferro di cavallo; cavai maio, met. frugolino, gaio, sbrigliato, vispo; sconsiderato, sfrenato; cavai del epocalisse, met. cavallo dell’Apocalisse, — alfana, buscalfana; esser come un cavai de cici, met. essere caparbio, ostinato; esser maio come un cavai, 0 come un cavai de cici, met. essere matto a bandiera, o matto da sette cotte, o matto spacciato, o spolpato; esser a cavai, o a cavi del fosso, met. essere a cavallo del fosso; andar col cavai de S. Franzesco, met. andare sul cavai di S. Francesco; febre de cavai-, met. febbre da cavalli; mosca de cavai, assillo culaio, mosca cavallina, tafano; pele de cavai conzada. cavallina; zogar 1 cavai, fare a’ cavalli; far de una mosca un cavai, met. far d’una mosca un elefante; ogni mosca ghe par un cavai, m. prov. ogni bruscolo gli pare una trave; el cavai de Gonéla con trentatre schinele soto la coda, prov. il cavallo del Ciolla, o del Ciolle, — il cavallo del Ciolle, che aveva cento guidaleschi sotto la coda; l’odo del paron ingrassa ’l cavai, prov. l’occhio del padrone, o del signore, ingrassa il cavallo, — chi fa per sè fa per tre, — il piè del padrone ingrassa il campo, — tristo a quell’avere che il suo signor non vede; a un bon cavai no ghe ocori scuria, prov. prontezza non ama sprone; omo che pianzi, cavai che suda e dona che giura no se ghe credi un corno, prov. cavai che suda, uomo che giura e donna piangente, non gli creder niente; bater la sela perchè no se poi bater ’l cavai, loc. prov. dare al basto perchè non si può dare all’asino, — battere la sella perchè non si può battere il cavallo, — dare al cavallo perchè non si può dare al padrone; esser el cavai de batalia, v. batalia; a cavai dona no se ghe varda in bocci, v. boca.

Cavala, sf. cavalla, giumenta.

Cavalada, sf. fracasso, rumore, saltellamento, scorrazzamento, scorrimento.

Cavalar, va. saltare; scorrere; scorrazzare. • Cavalaria, sf. cavalleria.

Cavalariza, sf. cavallerizza, scuola d’equitazione.

Cavalarizo, sm. cavallerizzo.

Cavalazo, sm. cavallaccio, rozza, scuccomedra, scuccumedra.

Cavalcada, sf. cavalcata.

Cavalcador, sm. cavalcatore.

Cavalcar, va. cavalcare, cavallare; che se poi cavalcar, o per uso de cavalcar, cavalcaresco, cavalcheremo: — „Animale cavalcheresco.“ — „Strada cavaichereccia;“ cavalcar sul cavai nudo, cavalcare a bisdosso, o a ridosso; arte de cavalcar, equitazione.

Càvaleta, sf. cavalletta, locusta; met. cavalletta; chiapperello; gherminella; tranello.

Cavaleto, sm. cavalletto; trespolo; — dei pitori, leggìo; — de le fabriche, capra; — de segadori de travi, piètica; — de le bote, calastra; cavaleto del telo, t. d’archit. lo stesso che cavai arma, v. cavai.

Cavalezo, sm. lo stesso che cavalada.

Cavalier, sm. cavaliere; de cavalier, m. avv. cavallerescamente, — alla cavàliera: — „Il signor Pesca tratta poco cavallerescamente;“ baco da seta, bigatto, filugello; tignir cavalieri, avere una messa di bachi; far nasser i cava^ lieri, porre i bachi; esser una ruga e no un cavalier, met. essere come i cavalieri di Prato.

Cavalierazo, sm. cavalierazzo.

Cavalin, sm. cavalletto, cavallino, cavalluccio; cavallotto; i cavalini,. il carosello, il garosello.

Cavalmarin, sm. vedi in cavai.

Cavalon, sm. cavallone.

Cavalona, sf’. v met. donna inconsiderata, sciammanata, sconsiderata, sfrenata.

Cavaloto, sm. t. de’ sarti: sco- “ scio; a cavaloto, m. avv. a cavalcione, a cavalcioni, accavalcione, accavalcioni; portar a cavaloto, portare a pentole; star a cavaloto, accavalciare, cavalciare: — „El stava a cavaloto del travo. — Accavalciava la trave.“ Cavaluzo, sm. cavalluccio.

Cavamacie, smf. levamacchie, macchiaiuolo, nettapanni, smacchiatore.